Contenuto principale

Messaggio di avviso

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

DOCENTI DI RIFERIMENTO

maestra MALVEZZI GIUSEPPINA ELISABETTA per alunni con BES e DSA

maestra RONCONI BARBARA per alunni non italofoni

prof. IANNACONE(Fontevivo), prof.ssa CHIARA PANI (Fontanellato) per alunni diversamente abili

maestra POI ROSARIA per GLI (GRUPPO DI LAVORO DELL'INCLUSIONE)

NORMATIVA   DOCUMENTAZIONE  ATTIVITA' DI INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA' DI APPRENDIMENTO  MATERIALI PER LA DIDATTICA   BIBLIOTECA    LIBRO AID  CORSI DI FORMAZIONE    CONTATTI  

 

NORMATIVA: 


Normativa sulle disabilità

L’organizzazione didattica di tutte le scuole del nostro Istituto Comprensivo, attraverso percorsi personalizzati e flessibili, si propone l’obiettivo di consentire il pieno sviluppo delle potenzialità di tutti gli alunni, con particolare riguardo a coloro che si trovano in condizione di diversabilità.
L’integrazione impegna docenti, alunni e genitori in un percorso mirato a considerare la diversità come occasione di riflessione, di confronto e, quindi, come autentica risorsa. Tale valorizzazione rappresenta un importante momento di crescita personale e umana per ogni componente della  comunità scolastica.Una “scuola per tutti” è un obiettivo da concretizzarsi attraverso la flessibilità del gruppo classe, la collegialità di ogni iniziativa di integrazione e la massima individualizzazione delle proposte sia educative che didattiche. La nostra Istituzione scolastica, aderendo all’Accordo Provinciale per il Coordinamento e l’integrazione dei Servizi (L.104/92), assicura i seguenti impegni:

  • predisposizione di attività di preaccoglienza e accoglienza per garantire la

continuità educativa ed il miglior inserimento di ogni singolo alunno disabile;

  • elaborazione di percorsi e progetti d’integrazione individualizzati;
  • costituzione del G.L.I.S. (gruppo di lavoro per l’integrazione scolastica), per l’elaborazione dell’Offerta Formativa più adeguata ai bisogni di ciascun alunno;
  • utilizzo del personale docente e non docente secondo criteri di funzionalità pedagogica e socio/sanitaria

ACCOGLIENZA E CONTINUITA’ EDUCATIVA E DIDATTICA FRA I DIVERSI ORDINI DISCUOLA IN TEMA DI INTEGRAZIONE  L’inserimento degli studenti in un contesto scolastico nuovo, rappresenta sicuramente un momento di preoccupazione, a maggior ragione, per gli studenti diversamente abili e le loro famiglie. L’intervento degli insegnanti, di classe e di sostegno, attraverso proposte educative specifiche da attuarsi nelle prime settimane di scuola, è volto a limitare quanto più possibile le incertezze degli allievi e ad incrementare in loro l’interesse, la sicurezza e la serenità. Dirigente Scolastico ed organi collegiali si adoperano per attivare, nell’ambito della programmazione integrata, le necessarie iniziative per rendere effettiva la cooperazione e la corresponsabilità del team docenti, ivi compresi i docenti di sostegno
considerati a pieno titolo contitolari della classe. La Commissione integrazione ha predisposto il seguente Protocollo di Accoglienza diviso in due fasi, per ciascuna delle quali i Consigli di Classe interessati, espliciteranno i tempi, le modalità, le attività e il personale coinvolto.

1. FASE DI PREACCOGLIENZA E’ prevista nei primi giorni di settembre la convocazione di una riunione, tra equipe pedagogica, genitori dell’alunno, insegnanti di sostegno o di classe dell’anno precedente, Dirigente Scolastico o suo referente e personale socio educativo assistenziale.
Tale incontro è necessario per favorire lo scambio di informazioni utili per predisporre un percorso formativo adeguato.

2. FASE DI ACCOGLIENZA Agli incontri di continuità tra la scuola in uscita e la scuola di ingresso di ogni singolo alunno disabile, fa seguito l’Attività di inserimento nella nuova realtà scolastica. In questa fase, il lavoro di ogni insegnante e di ogni operatore coinvolto, è finalizzato:

  • alla conoscenza reciproca degli alunni,
  • alla corretta relazione con gli adulti,
  • all’orientamento negli spazi della struttura scolastica,
  • all’apprendimento delle regole della vita sociale,
  • alla conoscenza delle nuove discipline e delle opportunità che l’istituzione offre.

P.E.I. E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA INDIVIDUALIZZATA Per ciascun alunno diversamente abile la scuola, in collaborazione con la famiglia, con gli specialisti del servizio territoriale dell’A.U.S.L. e con i rappresentanti dei Servizi Sociali Comunali, predispone un apposito “Piano Educativo Individualizzato”, cui fa parte integrante una Programmazione Didattica ed Educativa Individualizzata.
Più precisamente nel Piano Educativo vengono descritti interventi integrati ed equilibrati predisposti per il singolo, le finalità, gli obiettivi didattici, gli itinerari di lavoro, le tecnologie e le metodologie da applicare, nonché le verifiche e le modalità di coinvolgimento della famiglia.
Contiene, inoltre, le forme di integrazione tra attività scolastiche ed extrascolastiche.
Per favorire l’integrazione e la costruzione di itinerari didattici idonei all’alunno diversamente abile, la scuola si avvale di insegnanti “di sostegno” e se necessario, di personale-assistenziale messo a disposizione degli Enti Locali. Il personale docente sarà presente dal primo giorno di scuola, compatibilmente con le operazioni di nomina dell’Ufficio Scolastico Provinciale. In ogni caso le attività di integrazione (e il conseguente intervento degli operatori) riguardano tutta la classe o tutto il gruppo in cui è inserito l’alunno con handicap; le attività di tipo individuale sono precisate nel piano operativo. Nell’Istituto funziona un apposito gruppo di lavoro (G.L.I.S.) formato da docenti delle classi e da docenti di sostegno, da rappresentanti dei genitori, degli Enti Locali e dall’A.U.S.L., che si riunisce periodicamente con lo scopo di migliorare l’efficacia dell’intervento di inserimento e integrazione.

VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA’ La valutazione degli alunni con disabilità è svolta secondo le indicazioni ministeriali:
“1. La valutazione degli alunni con disabilità certificata nelle forme e con le modalità previste dalle disposizioni in vigore è riferita al comportamento, alle discipline e alle attività svolte sulla base del piano educativo individualizzato (… ) ed è espressa con voto in decimi.
2. Per l’esame conclusivo del primo ciclo sono predisposte (…) prove di esame differenziate, comprensive della prova a carattere nazionale (…) corrispondenti agli insegnamenti impartiti, idonee a valutare il progresso dell’alunno in rapporto alle sue potenzialità e ai livelli di apprendimento iniziali. Le prove sono adattate, ove necessario (…) a cura dei docenti componenti la commissione. Le prove differenziate hanno valore equivalente a quelle ordinarie (…)” (D.P.R. 122 del 16/08/2009) Similmente la valutazione degli alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento:
“1. Per gli alunni con difficoltà specifiche di apprendimento (DSA) adeguatamente certificate, la valutazione e la verifica degli apprendimenti, comprese quelle effettuate in
sede di esame conclusivo dei cicli, devono tenere conto delle specifiche situazioni soggettive di tali alunni; a tali fini, nello svolgimento dell’attività didattica e delle prove di esame, sono adottati (…)gli strumenti metodologico-didattici compensativi e dispensativi ritenuti più idonei.
2. nel diploma finale rilasciato al termine degli esami non viene fatta menzione delle modalità di svolgimento e della differenziazione delle prove.” (D.P.R. 122 del 16/08/2009)

ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE LEGGE 104/92


Normativa per gli alunni con DSA e altri BES

Il nostro Istituto, si propone di potenziare la cultura dell’inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di ogni alunno che, con continuità o per determinati periodi, manifesti Bisogni Educativi Speciali. A tal fine si intende: creare un ambiente accogliente e di supporto ; sostenere l’apprendimento attraverso una revisione del curricolo, sviluppando attenzione educativa in tutta la scuola; promuovere l’attiva partecipazione di tutti gli studenti al processo di apprendimento; centrare l’intervento sulla classe in funzione dell’alunno; favorire l’acquisizione di competenze collaborative; promuovere culture politiche e pratiche inclusive attraverso una più stretta collaborazione fra tutte le componenti della comunità educante. Obiettivo principale è la riduzione delle barriere che limitano l’apprendimento e la partecipazione sociale attraverso l’utilizzo di facilitatori e l’analisi dei fattori contestuali, sia ambientali che personali. Sono destinatari dell’intervento a favore dell’inclusione scolastica tutti gli alunni con Bisogni Educativi Speciali comprendenti:

-disabilità (ai sensi della Legge 104/92, Legge 517/77);

-disturbi evolutivi specifici (Legge 170/2010, Legge 53/2003);

-alunni con svantaggio socio-economico; svantaggio linguistico e/o culturale.

Un bisogno educativo speciale è una difficoltà che si evidenzia in età evolutiva negli ambiti di vita dell’educazione e/o dell'apprendimento. Si manifesta in un funzionamento problematico, anche per il soggetto, in termini di danno, ostacolo o stigma sociale; La Direttiva ministeriale del 27 dicembre 2012 ricorda che “ogni alunno, con continuità o per determinati periodi, può manifestare Bisogni Educativi Speciali: o per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta”. La nuova normativa sui BES prevede la personalizzazione anche senza certificazione. L’eventuale documentazione clinica ha un ruolo informativo, non è una certificazione. L’intervento è attivato dalla scuola in raccordo (collaborazione) con Famiglia e Servizi. A tal proposito il Consiglio o Team di classe deve predisporre un piano didattico personalizzato (PDP) che ha lo scopo di definire, monitorare e documentare le strategie di intervento più idonee e i criteri di valutazione degli apprendimenti per tutti gli alunni individuati in situazione di svantaggio scolastico, tranne nei casi di disabilità. Il PDP deve essere firmato dalla famiglia, dal Consiglio di classe e dal Dirigente.

 

PROTOCOLLO A FAVORE DI SOGGETTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO-per la Provincia di PR

Circolare n. 4 2015 DSA-Aggiornamento della Circolare 10/13 e della Circolare 6/13

Circolare ministeriale 96 del 17 dicembre 2012 iscrizioni scuola a.s.2013 2014

Decreto interministeriale sul protocollo DSA

LEGGE 170 2010

LINEE GUIDA

Nota INVALSI 2013 per alunni con particolari bisogni  educativi

PROTOCOLLO DI INTESA REGIONALE PER L'INDIVIDUAZIONE PRECOCE DEI CASI DI DSA

NOTA FINALE INDIVIDUAZIONE PRECOCE

RINNOVO DEL PROTOCOLLO DI INTENTI

NOTA DSA DISPOSIZIONI PERMANENTI



DOCUMENTAZIONE:


documentazione sulle disabilità

MODELLO PEI

MODELLO PROFILO DINAMICO FUNZIONALE, PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA, OSSERVAZIONI DI INGRESSO, SPESE ALUNNI H

MODELLO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PERSONALIZZATA

VERIFICA FINALE DELLA PROGRAMMAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI  

Schema riassuntivo dei documenti per il sostegno



documentazione DSA e altri BES (anche alunni non italofoni)

Piano Didattico Personalizzato scuola dell'infanzia

Documentazione completa per DSA e BES

MODELLO VERIFICA PDP

Protocollo BES

Vademecum VERIFICA E VALUTAZIONE BES

Modulo comunicazione scuola per visita specialistica

OSSERVAZIONE SPECIALISTA IN AULA

Documenti BES/DSA e loro scadenze

 

ATTIVITA' DI INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA' DI APPRENDIMENTO

PER LA CLASSE PRIMA

Screening indicazioni per insegnanti classe1°

Percorso identificazione precoce

Informativa per famiglie

Griglia per tabulazione errori

Foglio precompilato

Lista di parole

Suggerimenti metodologico didattici e guida alle schede esemplificative

Somministrazione delle prove nelle classi prime della scuola primaria- 2° fase

Lista di parole per dettato, Maggio

Lista di parole per lettura, Maggio

Scheda per la rilevazione del tempo impiegato nella lettura

PER LA CLASSE SECONDA

Link ai file per la classe seconda

 

 

 
Spunti operativi inviati i a scopo divulgativo dalla dottoressa Simonetta Franzoni dell'Ufficio Scolastico di Parma
 
 
 
 
 
 
 
SITI WEB 
Essequadro, realizzato dall'Istituto Tecnologie Didattiche del Consiglio Nazionale delle Ricerche in collaborazione con INDIRE e MIUR

 

Per l'utilizzo delle tecnologie a supporto dell’apprendimento con i Pad Apple  si suggeriscono le seguenti applicazioni da scaricare  da internet e installare

  • Pages (per creare documenti eleganti e belli da usare )
  • Sketch ( per creare dipinti, disegni e schizzi, a partire da fotografie )
  • Keynote ( per lo sviluppo di presentazioni )
  • Adobe Voice ( pensata per lo storytelling. Aiuta a creare presentazioni video con la nostra voce e contenuti multimediali in modo semplice e veloce)   

Applicativi che potrebbero essere utili alle persone con DSA

Applicazioni iPad

Guida alla prima configurazione degli iPad

Impostazioni di accessibilità

Personalizzare le impostazioni degli iPad


BIBLIOTECA ON LINE
materiale per l'alfabetiz. culturale 

Elenco libri per alfabetizzazione


materiale per i DSA e altri BES / materiale per le disabilità

Elenco libri per sostegno

 



SERVIZIO LIBRO AID

La sezione AID di Parma offre alle famiglie di ragazzi DSA un aiuto per prenotare i libri in formato digitale tramite LIBROAID; saranno presenti presso la scuola “Martiri di Cefalonia” (quartiere Montanara) negli orari e giorni che troverete sul sito 'Aidparma.wordpress,com'.


CORSI DI FORMAZIONE


FORMAZIONE CON DOTTOR FOLLONI del 22/06/15:" E' più facile che sia un non DSA"

Presentazione in Powerpoint

Gli automatismi della lettoscrittura

Bibliografia

 

 FORMAZIONE CON DOTTOR FOLLONI A SETTEMBRE 2015
 
 
 
 
AGGIORNAMENTO SULLA VERIFICA E VALUTAZIONE CON LA FORMATRICE AID C. TIRONI A SETTEMBRE 2016
 
Link ai materiali
 
 
CORSI ESTIVI
 
Sono aperte le iscrizioni ai laboratori estivi Metodiamoci. In allegato trovate la brouchure con tutte le informazioni e il modulo di iscrizione. Rimanendo a disposizione per qualsiasi chiarimento vi auguriamo buona giornata Alessandra Biancardi e Bianca Acito.  Vai al link dell'articolo LABORATORI ESTIVI METODIAMOCI
 
 

CONTATTI:
CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO -IC FELINO www.centrobes.it

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA  DI PR https://aidparma.wordpress.com
 
CENTRO PROVINCIALE DI DOCUMENTAZIONE PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA...
www.cepdiparma.it
 
NUOVO PORTALE  "AUSL per la Scuola": www.ausl.pr.it